Two Lines Journal
Share
| All Journal Posts >

If I die first

se muoio prima io
by Giacomo Sartori
Translated from Italian by
Frederika Randall

se muoio prima io

solo pettegolezzi

e niente fiori recisi

e cazzatine da sgranocchiare

unte e un po’ letali

(per restare in tema)

poi pasta e fagioli

e vini laziali sinceri

in bottiglioni e fiaschi

con una fanfara da circo

che metta allegria

e faccia piangere anche i cani

(sai che viro al sentimentale)

se muori prima tu

solo cosine vegane

(figuriamoci fiori uccisi!)

insalate di alghe

e muggiti tibetani

superbi tè affumicati

e pasticcini allo zenzero

con estenuanti suoni di gong

poi anche sakè caldo

dell’alcol non si può fare a meno

qui almeno siamo d’accordo

 

se muoio prima io

pensa a spegnere i radiatori la sera

e a rimettere lo scaldabagno

sai che ti dimentichi sempre

e incolla una mia fotina sullo specchio

dimmi che sono proprio in forma

quando passi davanti

o anche che sono stato un portento

i morti adorano i convenevoli

ma per pietà non piagnucolare

sai che non mi piace quando piagnucoli

ricordati piuttosto di farmi i complimenti

i morti sono vanitosetti

ma poi occupati di te mi raccomando

non perdere le prove del giovedì

e lo yoga il sabato

solo pulisci ogni tanto le pentole con la paglietta

sai che diventano nere

e quando internet non funziona

togli il filo e rimettilo

non è difficile

 

se nessuno di noi muore

diventeremo molto vecchi

davvero molto vecchi

e poi ancora più vecchi

e certo anche molto saggi

verranno a trovarci

e a farci domande

con mascherine sul viso

per preservare le fibre rinsecchite

saremo mummie che parlano lente

con tremori di àuspici e alito cattivo

estranei ormai a noi stessi

e poi ancora pietre mute

perché avremo detto ogni cosa

tutti verranno a toccare

le statue che non sono morte

che ogni tanto battono un ciglio

o mollano un peto minerale

(a quel che si dice)

e noi faremo gli obelischi vivi

con pensieri di dei in terra

è così che si diventa divini

 

se moriamo assieme

cerchiamo di non bisticciare

spesso le cose che facciamo assieme

finiscono proprio male

non vorrei che ci mettessimo a questionare

su chi di noi è più morto

o è morto meglio

o più in fretta

i morti non polemizzano

e tanto meno bisticciano

non sarebbe in linea

ci guarderebbero subito male

sai che non amo le tensioni

 

se muoio prima io

insegnami a vivere

intendo a nuotare nel presente

(esercizio esiziale anche da defunti)

sai che non ci sono tanto riuscito

tienimi compagnia i primi tempi

e poi lasciami per conto mio

i morti hanno bisogno di fare i morti

e i vivi i vivi

ma se davvero non moriamo

pensiamo a renderci utili

battiamoci per la pace

e l’agroecologia

e se davvero moriamo assieme

chiudiamo prima casa

svuotando gli armadi

e saldiamo tutti i conti

perdoniamo le teste di cazzo

abbracciamo i parenti stronzi

 

se muoio prima io muori anche tu

così un po’ per finta

per farmi morir dal ridere

se muori prima tu morirò anch’io

per farti schiattare di paura

sai che ci caschi sempre

come quando faccio l’annegato

con la testa sott’acqua

se muoio prima io

aspetta un po’ a morire

convoca una gran festa

(sai che non sopporto le feste)

e fuma in camera

telefona mentre si mangia

fai tutto quello mi dava noia

poi passa dieci anni nella baietta che sai

appesa sopra il mare

e dieci sull’Himalaya

diventa una santa laica

se muori prima tu

dimmi poi che non è difficile

sai che sono un po’ ansioso

non è tanto la fifa

 


if I die first

gossip only please

and no cut flowers

but hokum to munch on

that’s greasy and mildly lethal

(as suits the occasion)

then pasta e fagioli

with honest Lazio wines

in big straw flasks

and an ompahpah band

so cheerful

it makes the dogs cry

(you know I’m sentimental)

if you die first

just vegan tidbits

(cut flowers—god no)

algae salads

and Tibetan lowing

magnificent smoked teas

and ginger-flavored biscuits

with a grueling sounding of gongs

and then hot sake

can’t do without alcohol

on that at least we agree

 

if I die first

turn off the radiators at night

and switch on the boiler

you know you always forget

and stick my picture on the mirror

tell me I look terrific

when you pass by

and that I was a marvel

the dead love courtesies

but for heaven’s sake no tears

you know I hate it when you cry

but rather

don’t forget to flatter me

for the dead can be vain

but then please look after yourself

don’t miss your Thursday rehearsals

and the yoga on Saturday

but do clean the pots and pans with a brillo pad sometimes

you know they get black

and when the internet doesn’t work

take out the plug and put it in again

it’s not so difficult

 

if neither of us dies

we’ll grow very old

really very old

and then even older

and surely very wise

they’ll come to question us

wearing masks

to preserve our dried-up flesh

we’ll be mummies who speak slowly

trembling with auspices and bad breath

now aliens to ourselves

mute stones

because we’ve already said everything

and all will come to touch

these un-dead busts

that blink an eye from time to time

let go a mineral fart

(or so they say)

and we’ll be living obelisks

thinking godly thoughts

that’s how you become divine

 

if we die together

let’s try not to bicker

so often the things we do together

come to a bad end

I wouldn’t like to see us quarrel

over which of us is deader

or died better

or quicker

the dead don’t argue

or worse

quarrel

that would be out of line

they’d frown on us immediately

you know I hate conflict

 

if I die first

teach me to live

I mean to navigate the present

(a fatal business even for the departed)

you know I’m not very good at it

so keep me company those first times

then leave me on my own

the dead must be dead

and the living

living

but if we don’t actually die

then let’s try to be useful

stand up for peace

and sustainable farming

and if we really do die together

let’s close up house first

empty the closets

pay all the bills

forgive the shitheads

and embrace the fool relatives

 

if I die first you die too

and put on a good show

so that I’ll die laughing

if you die first I’ll die too

make you croak with fear

you know you fall for it every time

like when I play the drowned man

my head under water

 

if I die first

you wait a while to die

organize a big party

(you know I hate parties)

smoke in the bedroom

telephone during dinner

do all those things that irk me

then spend ten years in that cove you like

way up over the sea

and ten in the Himalayas

become a lay saint

if you die first

tell me it’s not so hard

you know I’m a little anxious

it’s not so much the fear

The novelist, poet and dramatist Giacomo Sartori was born in 1958 in Trento, Italy. He has published seven novels and four collections of stories as well as poetry and texts for the stage. Sartori's novel Sono Dio, written as God's diary of existential crisis after falling in love with a human, appeared in Frederika Randall's translation, I Am God, in 2019. Sartori is an editor of the literary collective Nazione Indiana and contributes to the blog www.nazioneindiana.comHe lives between Paris and Trento.
Translator
Frederika Randall grew up near Pittsburgh and lived in Italy for more than 30 years, until her death in May 2020. A journalist and translator from Italian, she wrote cultural reportage for numerous US and Italian publications. She translated the epic novel of the Risorgimento, Ippolito Nievo’s Confessions of An Italian, fiction by Guido Morselli, Luigi Meneghello, Giacomo Sartori, Ottavio Cappellani, Helena Janeczek, Igiaba Scego, and Davide Orecchio, and three volumes of nonfiction by historian Sergio Luzzatto. Awards included a PEN/Heim grant, and with Luzzatto, the Cundill Prize for Historical Literature.